La vendemmia 2017

Davide e Andrea – il giovane enologo della nostra cantina – commentano  la vendemmia 2017  San Clemente di Rimini  e nelle parcelle  delle colline circostanti.

La vendemmia 2017  è stata complessa e siamo contenti di questa fatica, per i frutti che ci darà e per come ci siamo arrivati.

Una premessa doverosa

 La vendemmia  in cantina rappresenta la seconda fase di un lavoro cominciato prima in vigna, un lavoro che dura tutto l’anno e che facciamo insieme al nostro agronomo Franco Calini.

Questo significa molto… e va detto: il  dialogo con il nostro agronomo, l’attenta verifica dello stato dell’uva e del comportamento della pianta nelle differenti parcelle dei vigneti, è stato fondamentale per il nostro lavoro in cantina.

ANDREA:

La primavera è stata ottima, con piogge regolari, ma l’estate troppo calda ci ha costretti  ad anticipare la raccolta di 15 giorni.

Così facendo ci siamo trovati con un anticipo della maturazione tecnologica su quella fenolica.

Mi spiego: la maturazione tecnologica dell’uva  (risultato tra il rapporto  tra ph, acidità  e grado zuccherino) non collide con  la maturazione fenolica ( i tannini e le sostanze che si occupano della pigmentazione dell’uva e si trovano nella buccia e negli acini).

DAVIDE PRECISA: 

In ogni caso per preservare, la sapidità, i profumi, e la freschezza, si è deciso di raccogliere precocemente.

Siamo riusciti a fare una buona vendemmia, difficile ma con una grande soddisfazione e conferma  della conoscenza del terreno, del lavoro  in vigna e  del nostro stile di vino.

Conoscere  bene la terra e la pianta,  sia nell’oasi  che in collina ci ha permesso di  vendemmiare nel momento esatto in cui il frutto poteva dare il meglio di sé.

I vini bianchi non ne hanno risentito in maniera eccessiva, mentre in alcuni vitigni a bacca rossa – oltre le classiche note di frutta matura – si colgono anche  note erbacee.

 

Se dovessimo dare un’ordine di raccolta e di massali e varietà?

Il calendario della  vendemmia  2017

16 agosto  con Sauvignon nella parcella  della collina

27  agosto abbiamo raccolto il Merlot e parte del Sangiovese  in collina e una parcella nella piana di San Pietro, a Gemmano – un vigneto bellissimo.

Terminiamo la vendemmia nel vigneto di casa, questa settimana, 21 settembre. Si raccoglie il resto del Sangiovese.

Come gestisci la vendemmia e la raccolta e come scegli le tempistiche?

In base alle analisi, all’acidità e il ph, ma in verità andando in vigna.

Guardiamo i babo ( il Grado Babo = unità di misura per definire il grado zuccherino), ma la vera scelta la facciamo assaggiando l’uva e verificando il momento migliore in previsione dell’annata.

Per noi è fondamentale che il vino, per rispettare il nostro stile, dopo la fermentazione abbia già una sua identità, un carattere che da quel momento nel tempo si andrà a definire nettamente.